Riduci gli sprechi di budget pubblicitario su Google Ads con le strategie di offerte di portafoglio con CPC massimo

Scopri come evitare sprechi di budget su Google Ads con questa tecnica di bidding super avanzata.

Indice dei Contenuti

 

strategie di offerta di portafoglio

 

Introduzione alle strategie di offerte di portafoglio

 

Se ti occupi di gestione di campagne pubblicitarie su Google Ads sai bene quanto sono utili e potenti le strategie di offerta automatizzate Smart Bidding, attraverso cui il potente algoritmo di Google gestisce autonomamente l’offerta (bid) nelle aste pubblicitarie, con lo scopo di ottimizzare il numero o il valore delle conversioni delle nostre campagne, semplificandoci il nostro lavoro.

 

Tuttavia, Smart Bidding non è sempre perfetto. Anzi, una spiacevole situazione che può verificarsi è quello di portarci a spendere una cifra spropositata per un singolo click. Infatti, lasciando totale libertà all’algoritmo sulla nostra strategia di offerta porterà Google a effettuare bid esagerati su un click quando lo stesso algoritmo ritiene che vi sia un alta possibilità di conversione sul quel click stesso (conversione che non sempre poi si realizza).

 

Per comprendere meglio questa situazione, guarda il seguente esempio:

 

strategie di offerta di portafoglio

 

 

Notiamo come il CPC medio di questa campagna Search sia pari a 0,28€. Tuttavia, in alcuni casi l’algoritmo di Google su un singolo click ci ha fatto pagare ben 11,11€ (40x il valore del CPC medio della campagna), o 8€ (28,5x volte il valore del CPC medio della campagna). Valori estremamente elevati rispetto al CPC medio i quali, non portando poi a conversioni tracciate, risultano in un vero e proprio spreco di budget.

 

E questo è nulla. In alcuni casi un click fattoci pagare da Google risultava più di 50x volte il valore del CPC medio della campagna.

 

Piccola nota: pagare un click di più rispetto al suo valore di costo medio non è sempre un male. Spesso ciò succede quando Google Ads riconosce una alta probabilità di conversione in un determinato click. Tuttavia, non ci sembra giusto andare a pagare un click 40 volte il suo valore di costo medio. Per cui, diventa importante capire come intervenire per evitare potenziali sprechi.

 

Fortunatamente esiste una tecnica (piuttosto avanzata e nascosta in piattaforma) che ci permette di tenere sotto controllo i CPC massimi pagati nelle aste delle nostre campagne pubblicitarie sulla rete Search: le strategie di offerte di portafoglio con limiti di CPC massimo.

 

Scopriamo insieme di cosa si tratta e come possiamo impostarli all’interno degli account Google Ads.

 

Le Strategie Di Offerte Di Portafoglio Con Limiti di CPC Massimo

 

Le strategie di offerte di portafoglio funzionano allo stesso modo delle normali strategie di offerta, con la sola differenza che con quelle di portafoglio è possibile utilizzarle per raggruppare più campagne insieme.

 

Le strategie di offerte di portafoglio attualmente disponibili sono le seguenti:

 

    1. CPA target

 

    1. ROAS target

 

    1. Massimizza clic

 

    1. Target Impression Share

 

    1. Massimizza conversioni (con o senza un tCPA)

 

  1. Massimizza il valore delle conversioni (con o senza un tROAS)

 

E adesso ti chiederai: qual’è il vantaggio di utilizzare le strategie di offerte di portafoglio rispetto alle strategie di offerta standard?

 

Il vantaggio è quello di poter andare ad impostare un limite di CPC massimo per le strategie di offerte ROAS Target e CPA Target. Il CPC massimo ci permette di impostare un costo per click massimo oltre la quale l’algoritmo di Smart Bidding non deve mai andare quando effettua offerte nelle aste, riducendo così drasticamente gli sprechi di budget visti sopra.

 

Si tratta quindi di limitare (ma non troppo) l’autonomia dell’algoritmo, esercitando noi advertiser un controllo più stringente sui costi per click.

 

Vediamo insieme quali sono i passaggi da seguire in piattaforma per applicare questa tecnica:

 

    1. Clicca su ‘strumenti e impostazioni‘ nella barra in alto di Google Ads

 

    1. Nella sezione Libreria Condivisa, Clicca su ‘strategie di offerta

 

    1. Seleziona ”Strategie di Portafoglio” e clicca sul ‘+‘ per creare una nuova strategia di offerta per portfolio

 

    1. Scegli la tua strategia di offerta (CPA target o ROAS target)

 

    1. Seleziona il tuo CPA o ROAS target della tua/e campagna/e

 

    1. Seleziona una o più campagne Search in cui vuoi applicare la strategia di offerta

 

    1. Clicca su ‘opzioni avanzate

 

    1. Inserisci un limite di offerta massimo, lasciando invece vuoto il campo relativo all’offerta minima.

 

  1. Clicca su ‘salva

 

strategie di offerte di portafoglio

 

 

Si tratta di una tecnica piuttosto avanzata ed utile, ma allo stesso tempo molto delicata in quanto un errore nell’impostazione del CPC massimo potrebbe portare ad un drastico calo delle performance della tua campagna.

 

 

Vediamo insieme quali sono i 3 errori più comuni che devi evitare quando imposti una strategia di portafoglio con CPC massimo.

 

3 errori da evitare nelle strategie di offerte di portafoglio con CPC massimo

 

Errore n°1: impostare un CPC massimo troppo basso

 

Un errore assolutamente da evitare è quello di impostare un CPC massimo troppo basso, il quale rischia di compromettere la perfomance delle campagna non dando margini di manovra all’algoritmo che avrà quindi difficoltà a generare impressions e clicks.

 

Bisogna quindi non limitare troppo l’algoritmo, evitando allo stesso tempo di pagare cifre spropositate per un semplice click. Per fare ciò l’ideale sarebbe quello di impostare un CPC massimo che sia 3-5 volte superiore (talvolta anche di più) il CPC attuale della campagna. In questo modo non limitiamo troppo l’algoritmo, che avrà un buon margine di manovra nelle aste evitando allo stesso tempo di ”biddare” in modo eccessivo per un semplice click.

 

Riprendendo l’esempio sopra citato, se il CPC medio della campagna ammonta a 0,28€ un buon CPC massimo da impostare potrebbe essere 1,4€ (0.28 x 5). In questo modo diciamo all’algoritmo di non spendere più di 5 volte il valore del CPC medio per un singolo click. Impostare un CPC massimo pari o inferiore al valore del CPC medio rischia di ridurre le perfomance della campagna. Valuta attentamente ciò quando imposti un CPC massimo nelle tue strategie di offerte di portafoglio.

 

Personalmente, imposto un CPC massimo che va dai 3-5 volte il valore del CPC medio, o in alcune circostanza anche di più a seconda dei casi particolari.

 

Errore n°2: impostare un CPC massimo basato sul CPC dell’intero account

 

Quando imposti il tuo CPC massimo, non devi prendere come punto di riferimento il CPC medio complessivo dell’intero account (specie se hai molte campagne diverse attive), ma devi sempre partire dal CPC medio della/e campagna/e che verranno inserite nella strategia di offerta di portafoglio.

 

Se ti basi sul CPC medio dell’intero account, rischi di impostare un CPC troppo basso commettendo un errore simile a quello visto nel punto n°1.

 

Errore n°3: non monitorare la strategia di offerta impostata

 

Ai fini di una ottimizzazione costante delle campagne diventa importante periodicamente revisionare l’andamento della strategia di offerta impostata ed apportare eventuali modifiche ed aggiornamenti quando necessario. Se, ad esempio, noti un calo delle impressions o click potrebbe essere utile aggiornare il CPC massimo, che potrebbe essere troppo basso.

 

Seppur il CPC massimo ci da maggiore tranquillità sulla gestione del budget, dimenticarsi di monitorare tale strategia è il primo passo verso il fallimento delle campagne.

 

Conclusioni

 

Le strategie di offerte di portafoglio con CPC massimo sono quindi una tecnica molto avanzata (e per tal motivo usata solo da pochi advertiser esperti) che ci permette di ridurre notevoltmente lo spreco di budget quando utilizziamo Smart Bidding nelle nostre campagne Search.

 

Ciò ci permette di ottimizzare al meglio la perfomance delle campagne ed ottenere un vantaggio competitivo rispetto ai nostri competitor.

 

Ricorda sempre di non impostare un CPC massimo troppo basso nelle tue strategie di offerta. Il nostro obiettivo è evitare possibili sprechi di budget senza limitare troppo l’algoritmo di Google, il quale resta nostro alleato fondamentale.

 

Ricordati altresì di monitorare l’andamento delle strategie di offerta impostate, ottimizzando in caso di necessità.

 

Impostando tale tecnica, effettui passo importante per campagne Google Ads a prova di bomba. Solo pochi advertiser esperti conoscono ed applicano tali strategie. Noi di WebGas.net applichiamo questa e molte altre alle campagne dei nostri clienti, generando spesso risultati importanti.

 

Se sei un imprenditore che vuole raggiungere obiettivi di fatturato importanti con l’aiuto dei canali pubblicitari online, devi affidarti ad una agenzia esperta che conosce tutti i segreti di tali piattaforme tanto potenti quanto complesse.

 

WebGas.net può aiutarti in tutto ciò. Contattaci per una prima consulenza gratuita e scopri in che modo possiamo collaborare insieme.

 

 

 

Fonte Articolo: https://www.ppcmastery.com/blog/tpe-22-reduce-wasted-ad-spend-with-portfolio-bid-strategies

Vuoi ricevere questo contenuto in PDF via email?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri Contenuti Interessanti

E-commerce
Antonio Tresca

Replatforming e Migrazione su Shopify Plus: Guida essenziale

Scopri la nostra guida per un replatforming su Shopify Plus di successo. Dalla valutazione delle necessità di replatforming alla pianificazione, personalizzazione, migrazione dei dati e strategie post-lancio, impara come ottimizzare la tua presenza e-commerce per crescita e innovazione

Leggi di più »
Ads
Antonio Tresca

Facebook Lead Ads: Una guida completa per generare lead caldi sulle piattaforme Meta con questi tipi di campagne

Padroneggia Facebook Lead Ads con la nostra guida completa. Impara a creare, ottimizzare e integrare campagne Lead Ads efficaci sulle piattaforme Meta per potenziare il tuo marketing digitale e generare lead di alta qualità. Perfetto per le aziende che vogliono migliorare il coinvolgimento e la conversione online. Scopri subito i consigli e le strategie degli esperti!

Leggi di più »
Ads
Antonio Tresca

Lead Caldi: Cosa Sono e Come Generarli

Scopri strategie efficaci per identificare, attrarre e convertire lead caldi nel tuo business. Questo articolo approfondisce l’importanza dei lead caldi nel marketing digitale, offrendo consigli pratici su come generare lead di alta qualità e trasformarli in clienti fedeli. Impara come ottimizzare il tuo funnel di vendita, sfruttare la tecnologia come HubSpot e trarre ispirazione da case study reali. Ideale per marketer e imprenditori che cercano di potenziare la loro strategia digitale.

Leggi di più »
Torna in alto

Non restare indietro!

Verifica subito la tua
Digital Readiness

Utilizza questo strumento semplice e veloce, sviluppato dal nostro team, per verificare in pochi click le performance delle tue strategie di e-commerce e lead generation.

Form | Exit intent popup form | IT

Non restare indietro!

Verifica subito la tua
Digital Readiness

Utilizza questo strumento semplice e veloce, sviluppato dal nostro team, per verificare in pochi click le performance delle tue strategie di e-commerce e lead generation.

Form | Exit intent popup form | IT

Grazie per aver compilato il modulo.

Verrai ricontattato entro 48 ore lavorative dal nostro team. 

CONTROLLA LA CARTELLA SPAM O PROMOZIONI SE NON RICEVI LA MAIL.